In Evidenza
Il Contest del giorno su iSpazioMac
Contest
macicon120_502305145
Vinci 5 copie di Cultura Generale con iSpazioMac!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Proviamo Ubuntu 12.04 su Mac e installiamolo in dual boot con OS X | Guide iSpazioMac



A molti utenti, magari quelli più smaliziati, prima o poi sarà venuta voglia di “cambiare aria” con il proprio Mac, installando un sistema operativo secondario, anche solo per prova. Con Windows è facile, basta avviare l’utility Bootcamp e la procedura è quasi automatizzata. Ma se volessimo installare una distribuzione Linux?

Basta fare un giro con un motore di ricerca per trovare decine e decine di guide per installare una distribuzione Linux sul proprio Mac. Tre quarti di queste, però, finiscono per illustrare la più elementare procedura per la virtualizzazione: attraverso un programma di virtualizzazione, avviare il sistema operativo in una macchina virtuale. Questo metodo è ottimo per provare in fretta un sistema operativo, ma ben poco adatto per un uso stabile, sia per varie incompatibilità conseguenti all’utilizzo della macchina virtuale, sia per il consumo smodato di risorse hardware per mantenere due sistemi operativi contemporaneamente.

Noi non vogliamo virtualizzare, ma installare il sistema parallelamente ad OS X, facendolo eseguire in maniera pulita. Questo passaggio risulta abbastanza controverso, su Mac. Il “cuore” del Mac è sensibilmente diverso da quello di un PC (basti pensare all’utilizzo di EFI al posto del comune BIOS). Questo può portare spesso a dei problemi da capogiro in fase di installazione (ad esempio, chi vi scrive non è ancora riuscito ad avviare Fedora 16 sul proprio Macbook).

Qualche giorno fa abbiamo parlato dell’arrivo di una nuova versione di Ubuntu, la distribuzione Linux gratuita più conosciuta e chiacchierata al mondo, che arriva quindi alla versione 12.04, e i lettori hanno mostrato interesse nella realizzazione di una guida all’installazione passo-passo e che non dia nulla per scontato. Per cui eccoci qui a provare la nuova versione di Ubuntu!

Vediamo cosa è necessario:

  • L’ultima versione di Ubuntu, reperibile a questo link. Consigliamo la 32 bit, che rispetto alla 64 bit risulta meno problematica.
  • Un DVD vuoto (e quindi un Macbook dotato di lettore DVD).
  • La possibilità di connettersi ad Internet tramite Ethernet.
Purtroppo la nostra guida si dovrà avvalere di un DVD. Come dicevamo prima, i Mac sono un po’ troppo schizzinosi durante il boot di altri sistemi operativi. Come fare dunque per i Macbook Air? Non potendone disporre, prendete la cosa con le pinze: a quanto pare i Macbook Air sono più permissivi con i boot tramite USB. È possibile che la creazione di una penna USB di installazione possa effettivamente funzionare. La nostra guida è stata creata utilizzando un Macbook Pro 2011. Ci teniamo a sottolinearlo poiché i problemi in cui potremo incappare potrebbero affliggere solo il nostro modello, o altri problemi potrebbero affliggere altri tipi di Mac.

 

Basta con le premesse,iniziamo! La prima cosa che conviene fare è, nel caso in cui se ne abbia la possibilità, fare un bel backup del sistema con Time Machine. Non si sa mai! Potete evitare questo passaggio se volete semplicemente provare il sistema operativo senza installarlo in dual boot (per chi non lo sapesse, Ubuntu è infatti anche avviabile da DVD, senza installare nulla).

 

Abbiamo scaricato il file .iso di Ubuntu? Perfetto, allora masterizziamolo. Andiamo su Utiity Disco e premiamo su Masterizza. Selezioniamo il file immagine e diamo l’ok. Spuntiamo per scrupolo le opzioni di verifica del disco.

 

Finita la procedura, avremo il nostro disco di Ubuntu. Non preoccupatevi se OS X vi dice che non può aprire il disco per leggerne il contenuto. A disco inserito, avviamo il Mac e immediatamente dopo il “dong” teniamo premuto il tasto alt fino a vedere questa schermata.

 

 

Ovviamente, noi dovremo cliccare sul disco, o meglio, sulla relativa freccetta che comparirà nel momento in cui punteremo il mouse sopra l’icona del disco. L’EFI del Mac (il sistema che gestisce l’avvio dei sistemi operativi) individua qualunque disco di avvio che non sia quello di OS X come “Windows”, ma questo non è un problema. Avviamo il tutto.

 

Momento cruciale: è qui dove il Mac spesso finisce per impiantare l’esecuzione del nuovo sistema. È il caso di Fedora 16, che abbiamo provato ad installare prima di Ubuntu e che ci ha dato un particolare errore a cui non abbiamo potuto trovare soluzione. Ubuntu invece non ci ha dato nessun problema, fortunatamente!

 

In alcuni minuti verremo portati automaticamente alla versione “live” del sistema operativo, che funziona direttamente da disco. Ci verrà chiesto se provare Ubuntu o installarlo, noi diamo l’ok per la prima opzione. Già da qui possiamo fare un tour abbastanza approfondito del sistema, anche se risulterà scarsamente reattivo, essendo gestito da DVD. È anche possibile avviare le applicazioni e navigare su internet: se siete collegati alla rete via cavo Etherhet, non avrete problemi, viceversa potreste trovarvi impossibilitati ad agganciarvi alla rete wireless (è il nostro caso) a causa dell’assenza di drivers adeguati inclusi nel disco. Ma a questo problema possiamo trovare soluzione, ne parleremo più avanti.

 

Siamo pronti per installare Ubuntu e affiancarlo ad OS X? Allora clicchiamo sull’icona di installazione presente sulla scrivania di sistema.

 

 

Gli step sono semplici. Innanzitutto selezioniamo l’input corretto della tastiera. Spostiamoci dunque su “Italiana” e scegliamo la prima opzione. Non lasciatevi ingannare (come abbiamo fatto noi) dalla presenza di “Italiana (machintosh)”: Almeno nel nostro caso, non risultava correttamente funzionante. Nel dubbio, possiamo far rilevare automaticamente al sistema la disposizione della nostra tastiera.

 

 

Andiamo avanti. Adesso, l’intelligente sistema di installazione rileverà che stiamo utilizzando Mac OS X e ci proporrà una installazione affiancata completamente indolore. Ci verrà semplicemente chiesto quanto spazio dare a OS X e quanto a Ubuntu e il setup farà il resto.

 

Faccio un “mea culpa” per essermi dimenticato di salvare una immagine relativa a questa finestra di scelta, per cui andrò ad inserire una immagine trovata in rete, relativa però a Windows 7. Non preoccupatevi, vi comparirà una finestra identica.

 

 

Una volta che il setup avrà recepito la quantità di spazio da utilizzare, inizierà la breve installazione e durante questa ci verranno chieste delle “generalità”, come il nome utente dell’account principale e la password di amministrazione. Dopodiché l’installazione continuerà, mentre scorreranno immagini di presentazione.

 

 

Attenzione: nel caso l’installazione dovesse dare problemi (la prima volta a noi si è bloccata per strane ragioni), niente paura. Riavviate il Mac e rieseguite Ubuntu da disco. Al posto dell’opzione “installa a fianco di OS X” comparirà il comando “elimina Ubuntu e reinstalla” che permette di ricominciare daccapo.

 

 

Finito il tutto, il sistema richiederà un riavvio (durante il riavvio il disco verrà espulso). Come prima, dopo il suono di avvio del Mac tenete premuto alt, e stavolta scegliete la nuova icona a forma di disco digido, sempre chiamata “Windows”. Attenzione qui: l’installazione di Ubuntu ha portato con sé un nuovo boot manager. Semplicemente, dopo aver dato l’ok, ci troveremo davanti ad una nuova lista di scelte, a sfondo viola. Selezioniamo la prima opzione e andiamo avanti.

 

 

Il sistema ci chiederà la password dell’account principale. Ecco qui: siamo dentro Ubuntu 12.04 al fianco di OS X! La prima cosa da fare è impostare la lingua italiana (cosa che richiede un logout per applicare il tutto) e fare un aggiornamento di sistema.

 

Il sistema reagisce bene a gran parte dell’hardware del Mac. La nostra grande sorpresa è stata scoprire che il trackpad multitouch è perfettamente riconosciuto e il sistema ci permette di utilizzarlo come si deve: è supportato il clic destro col tocco a due dita, il “trascina con tre dita”, lo scrolling a due dita e anche altri tipi di comandi. Mica male. Altra sorpresa è il supporto ai comandi extra della tastiera del Mac. I tasti del volume, così come quelli per la luminosità della tastiera o dello schermo funzionano perfettamente.

 

State aspettando le brutte notizie? Buon per voi, ce ne sono un paio abbastanza sgradevoli. La prima riguarda l’autonomia. Ricordate l’articolo di presentazione dell’altro giorno in cui elogiavamo, tra le nuove features, la minore “pesantezza” in termini di risorse? Sarà, ma a noi l’impressione è che Ubuntu risulti ancora anni luce indietro rispetto ad OS X riguardo la gestione delle risorse. Dopo venti minuti di utilizzo, a wifi spento, il risultato è questo:

 

 

L’altra brutta notizia l’abbiamo accennata prima. Nel nostro caso (ma potrebbe non accadere a tutti) il nostro Macbook non ha potuto connettersi alla rete wireless. Questo perché Ubuntu non integra i drivers della scheda di rete del nostro modello. A proposito, anche Thunderbolt non viene riconosciuto correttamente per le stesse ragioni.

 

 

Per i problemi al wireless, fortunatamente ci viene in aiuto la enorme comunità attorno ad Ubuntu. Ecco infatti una pagina che ci ha spiegato in maniera esaustiva cosa fare per rendere funzionante la scheda di rete wireless. Ci è bastato aggiungere un pacchetto via terminale e aggiungere una linea di testo in un documento di sistema (se doveste incappare anche voi in questo problema e la pagina linkata sopra non fosse sufficientemente chiara, non esitate a commentare l’articolo!).

 

 

Un riavvio e tutto funzionerà correttamente. Ora davvero non c’è bisogno d’altro, siete pronti a godervi il vostro Ubuntu 12.04 al senza le limitazioni della virtualizzazione e senza rinunciare ad OS X. Un ringraziamento a tutti i lettori che sono arrivati sin qui, in fondo a questa lunghissima guida/prova. Per qualunque curiosità, lasciate pure un commento a questo articolo!
44,108 visite


63 Commenti

  1. Caro Stefano, arrivato alla fine di una veloce lettura del tuo articolo, ti nomino “di diritto” mio mito di sempre…è chiaro che ora voglio sapere tutto di te…sei un programmatore ? Dove vivi ? Ti potrò mai conoscere ? Se da amministratore non puoi vedere la mia mail privata autorizzo Fabiano Confuorto a comunicartela (se ciò non viola assurde burocrazie italiane sulla privacy…) Per quanto riguarda la tua esperienza non esiterei a ripeterla subito su un Mac Book “vuoto” che per il momento non ho a disposizione…(per non correre rischi dal momento che il MBP 17″ Thunderbolt che uso mi serve per lavoro e per pagare tasse e balzelli vari in questo periodo cruciale della mia esistenza…) Grazie comunque, mio mito Stefano !

    Thumb up 4 Thumb down 13

    • a volte ritornano… MBP 17″ ovviamente, sempre tutto grande grande… (forse è una questione di compatibilità con iphone 4s 64GB)

      Thumb up 4 Thumb down 11

    • Ahahahaha, ti ringrazio per il sostegno come sempre! :D
      Se vuoi fare una chiacchiera, mandami pure una mail a lovecchiostefano@me.com :)

    • Programmatore per fare questa procedura di installazione? Bah… lasciamo perdere va…

      Thumb up 34 Thumb down 2

    • mandagli anche un mazzo di fiori giò che ci sei! cmq bellissima guida! spazio è di sicuro il miglior network italiano dedicato alla mela per diritito!

      Thumb up 6 Thumb down 1

    • Partendo da questa pagina ho installato Ubuntu 12.04 sul mio MacBook Pro acquistato da appena una settimana.
      Smanettando ho risolto tutti i problemi citati nell’articolo, ho testato quasi tutto l’hardware e la batteria, con le giuste impostazioni, dura anche 9 ore…

      Ho scritto anche una guida (ho messo il link a questa pagina come ringraziamento), la guida si trova a:

      http://www.arturu.it/blog/2012/06/08/installare-configurare-ubuntu-12-04-su-macbook-pro-8/

      Saluti e grazie per avermi fornito un punto di partenza…

      Thumb up 1 Thumb down 0

    • Bellissima guida, ma per installare un O.S. non ci vuole un programmatore, noi programmatori non ci limitiamo a questo, noi creiamo il software da installare :)

      Thumb up 6 Thumb down 0

  2. Ma non esiste nessua guida per installare win o qualsiasi altro os da pendrive con bootcamp???nquando ho provato a installare seven non mi dava la possibilità di installare da pendrive,obbligato a masterizzare un DVD,pero il riquadro installa da disco esterno c’è ma non mi da la possibilità di spuntarlo

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Come dicevo nell’articolo, solitamente il boot da USB è quasi sempre impossibile da Mac. Che io sappia, i Macbook Air sono più permissivi a riguardo, per loro natura. Tra le altre cose, sono dotati di una versione di Bootcamp che permette di creare memorie USB di avvio con Windows (questa versione di bootcamp si può sbloccare anche sugli altri Mac, ma risulta poco utile, perché comunque il boot non viene eseguito correttamente)

      • si pero che palle sprecare euri per dei dvd,pero gli aggiornamenti di osx da chiavetta pero se li pipa!!! ma lo torvo assurdo che nella finestrella l’opzione ce ma non si possa usare

        Thumb up 0 Thumb down 0

    • ci vuole una partiocolare procedura usa winmagazine lo scarichi in pdf e leggi installa windows 8 da chiavetta (è uguale cn 7)

      Thumb up 0 Thumb down 0

    • http://makeosx.wordpress.com/2012/03/25/preparare-una-chiavetta-usb-di-ubuntu-dal-mac-con-il-terminale/

      Ho fatto un articolo a riguardo, io non masterizzo cd/DVD di installazione da anni :) e ho sia MacBook che iMac ( ubuntu è un problema con le tastiere/mouse wireless di Apple)

      Thumb up 0 Thumb down 0

  3. Bravi, Finalmente una bella guida sull’argomento!
    Grazie,
    Luca!

    Thumb up 1 Thumb down 2

  4. Cavolo, proprio ieri volevo installare la 12.04 ma mi ha dato parecchi problemi così ho dovuto riformatore tutto il disco e reinstallare os x (fortunatamente avevo fatto un back up completo con time machine prima di installarlo…)!!!
    Ma non ho capito una cosa: hai usato l’opzione di installazione “Install Ubuntu alongside Windows 7″? Prima comunque hai fatto una partizione con utility disco no?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • “install ubuntu alongside os x”, ma come dicevo ho perso la foto di quella finestra e ne ho presa una dalla rete che però indica windows :P

      Sarò sincero: dopo che ho dato l’ok non mi ha nemmeno chiesto come frazionare lo spazio. Per una casualità, infatti, mi ritrovo un hard disk che aveva già una 50ina di GB come spazio libero allocato. Deve aver riconosciuto quello spazio, inserendosi lì. In mancanza di questo, chiederà come frazionare la partizione esistente.

      • Ok, grazie mille… allora non formatto e provo con quell’opzione!

        Thumb up 0 Thumb down 0

  5. Uhm, bene! Adoro Linux e questa guida è utile.
    Una domanda: ho instalkati windows con Bootcamp a fianco di Os X, installare anche ubuntu è un problema?
    In teoria sono partizioni distinte ma uso Os X da meno di un mese quindi preferisco chiedere.

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • hihih io ho ubuntu da 4 anni con cairodock che emula il dock del mac ahahah

      Thumb up 1 Thumb down 1

    • Non è assolutamente un problema :)

      • Se hai MacOS X Lion non installare Ubuntu, non ti partirebbe più Windows!!!!

        Thumb up 0 Thumb down 0

  6. ciao, bellissima guida, ora voglio anche io linux sul macbook =) solo un informazione quanti GB occupa sull’hard disk?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Purtroppo non ricordo, ma credo sia controproducente installarlo su partizioni minori di 10-15 GB.

  7. Ciao,

    una volta installato, come si disinstalla e si elimina la partizione di bootcamp senza creare danni ad osx?

    Grazie

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Intendi la partizione di ubuntu?
      Riavvia il Ubuntu da disco e rifai l’installazione. Ad un certo punto, ti chiederà se vuoi reinstallare, cancellare tutto e reinstallare o “altro”. Alla voce altro dovresti trovare un gestore di partizioni che ti permetterà di eliminare la partizione dedicata ad Ubuntu.
      Puoi fare la stessa cosa lanciando Utility Disco da Ubuntu (sempre avviato da disco).

      • Si intendendevo la partizione con installato Linux Mint.

        Una volta eliminata la partizione lo spazio torna disponibile per mac os?

        Thumb up 0 Thumb down 0

      • Se elimini la partizione diventa spazio non allocato. Da Utility disco di OS X dovresti riuscire ad allargare la partizione di OS X includendo quello spazio.

        Ricorda poi di fare una verifica disco e, in caso di problemi, una riparazione :)

  8. Grazie per la guida!

    Solo una domanda, ma l’installazione avviene su una partizione dedicata oppure fa l’installazione tipo wubi (come sui pc windows dove crea un file all’interno della partizione esistente)?

    Thumb up 0 Thumb down 0

  9. Vorrei provarlo, ma non so come muovermi quando arrivo alla finestra: tipo d’installazione, dove dovrei creare una partizione per ubuntu…chi mi può gentilmente aiutare?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Spiego meglio nella schermata che faccio riferimento non mi viene chiesto di affiancare ubuntu a mac osx , ma mi viene chiesto di o cancellare mac osx o partizionarlo manualmente..

      Thumb up 2 Thumb down 0

      • Mi pare strano che non compaia la giusta opzione. Prova a partizionare manualmente. Da lì credo si possa ridurre la partizione di OSX per creare spazio libero.
        È una operazione che se vuoi puoi fare in maggiore sicurezza partendo da Utility Disco di OS X.

      • Ho provato come mi hai detto tu stefano, ma mi rimanda sempre alla schermata dove dovrei partizionare manualmente, e sinceramente non saprei da dove incominciare, sono presenti troppe voci, ho provato a seleziona la partizione e poi installa ma mi chiede di selezionare anche il file system root.. Cosa posso fare per andare avanti?

        Thumb up 0 Thumb down 0

      • Molto strano sai, dovrebbe comparirti quella opzione..a maggior ragione in presenza di spazio non allocato.
        A me è comparsa e la mia situazione con le partizioni era questa: Macintosh HD che occupa gran parte del disco e una piccola frazione del disco completamente non allocata.

        http://i.imgur.com/JpmXg.png

    • io l’ho fatto e mi sono trovato bene…

      Thumb up 0 Thumb down 0

  10. Secondo voi si riesce a condividere hard disk? vi spiego il mio problema!
    Avevo fatto una cartella con password con leopard, operazione che avveniva tramite powerpc adesso con lion la cartella non è più utilizzabile!
    Dunque volevo sapere se bootando ubuntu potevo condividere hard disk e cercare di aprire quella maledetta cartella. avete info?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Dubito… :/

      • e682a8e5a5bdefbc8ce68891e79baee5898de68c89e785a7e682a8e79a84e696b9e5bc8fe8a8ade5ae9ae980a3e7b79aefbc8ce4bd86e698afe7acace4b880e7a8aee696b9e5bc8fe8a8ade5ae9ae5ae8ce98284e698afe6b292e8bea6e6b395e980a3e7b79aefbc8ce4bdbfe794a8e7acace4ba8ce7a8aee696b9e5bc8fefbc8ce4b880e9968be5a78be587bae78fbeI found 1 ethernet decive :eth0e68891e68c89YESe4bba5e5be8ce4bb96e58dbbe587bae78fbeSorry, I scanned 1 interface, but the Access Concentrator of your provider did not respond.e784b6e5be8ce58fabe68891e6aaa2e69fa5e7b6b2e8b7afe4b98be9a19ee79a84efbc8ce683b3e8ab8be69599e682a8e69b89e4b88de69b89e5be97e98099e7a8aee68385e6b381e8a9b2e5a682e4bd95e89995e79086e591a2?

        Thumb up 0 Thumb down 0

  11. ciao,

    si potrebbe installare avendo già una partizione occupata da Bootcamp?

    comunque ottima guida complimenti.

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Non penso perché si formerebbero più di 4 partizioni primarie.

      Thumb up 0 Thumb down 0

  12. ciao
    complimenti per ottimo articolo innanzitutto!
    volevo sapere se sei mai riuscito ad installare ubuntu sull’imac 21 mid 2010 io ci ho provato 1000 volte ma il setup iniziale me lo spara sempre sull’uscita video secondaria, ho provato a visualizzarla sul monitor esterno ma dopo la selezione della lingua basta, schermo nero :-(

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Purtroppo non ho mai avuto per le mani un iMac mid 2010 :(

  13. Potreste provare ad usare Opensuse?

    Thumb up 0 Thumb down 0

  14. macchine virtuali tutta la vita!

    Thumb up 0 Thumb down 0

  15. Salve, io ho installato sul mio macbook pro la versione a 64bit e funziona tutto benissimo. Unica cosa che non riesco ancora a fare è far funzionare il trackpad. Da come ho letto nell’articolo dovrebbe essere riconosciuto in quest’ultima release di linux. Come posso risolvere ?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Mi pare molto strano. Per curiosità prova ad avviare una live della versione 32 bit. Nel caso pure quella dovesse dare problemi, io mi informerei più dettagliatamente sul tuo modello di Mac, perché è possibile che abbia dei drivers diversi che Ubuntu magari non dispone..

  16. Scusa una domanda, se compro un hdd vuoto e lo sostiuisco non è la stessa cosa? mi funzionerà lo stesso?

    Ma su mac ubuntu va effettivamente bene? perché ultimamente devo comprare un portatile nuovo, dato che uso solo ed esclusivamente linux ero indeciso tra un ibm e un mac…

    Thumb up 0 Thumb down 0

  17. Ho seguito la guida per bootare su usb dal sito ufficiale ma mi da sempre una chiavetta non leggibile dal computer e quindi non bootabile.
    Qualcuno ha avuto lo stesso problema?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Ho provato più e più volte.
      Risultato che ho ottenuto: non penso che riuscirò mai ad avviare qualcosa che non sia il setup di lion da USB.
      Ho provato ad avviare innumerevoli distribuzioni linux, windows 7 (che però su Air parte via USB), windows 8, distribuzioni di chrome os, niente. Ciò che hai creato è sicuramente una memoria usb bootabile da PC.

  18. Ragazzi scusate, ma nel caso poi si voglia disinstallare e tornare ad avere solamente lion, come si fa? Grazie…

    Thumb up 0 Thumb down 0

  19. Ragazzi ho un problema, scarico l’immagine e sia che la masterizzo sia che la monto su usb mi dice che è illeggibile… mi potete spiegare perché?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Come ho scritto nell’articolo, è normale che OS X ti dica una cosa del genere!

  20. Ciao Stefano, mi è successo che si è bloccato proprio dove dicevi tu, ossia non mi ha chiesto di fare nessuna partizione e lo schermo era nero. Ho lion, leopard, recovery e windows xp.
    Forse troppi? come posso fare?
    Grazie.

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Come dicevo anche privatamente, dovresti provare a partizionare anticipatamente il disco via Mac.

  21. Ciao a tutti io quando ho spinto “alt” mi ha dato una schermata bianca invece di mostrarmi questa schermata http://www.ispaziomac.com/wp-content/uploads/2012/05/IMG_2563.jpg mi ha dato una schmata bianca da cui non riesco più ad uscire sono ormai due giorni che ho questa schermata bianca come posso fare ????? Per favore aiutatemi

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Non è assolutamente normale. Riesci ad avviare normalmente, senza premere ALT?

      • Se avvio normalmente mi da una schermata bianca, ho provato a spingere alt+cmd alt+ctrl li ho provati tutti ma niente rimane la schermata bianca

        Thumb up 0 Thumb down 0

  22. Una domanda sciocca, perdonami…Come si accede al terminal da Ubuntu?

    Thumb up 0 Thumb down 0

  23. A me, come tipo d’installazione, escono solo due opzioni, Sostituisci Mac OS X e Altro. Che faccio? Mi conviene creare la partizione da Utility disco prima di eseguire l’installazione?

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Ok, ho risolto facendo così :) Ho anche letto che in giro consigliano di partizionare in anticipo tramite Utility disco piuttosto che farlo attraverso il programma d’installazione di Ubuntu, quindi m’è convenuto :)

      Thumb up 0 Thumb down 0

  24. ciao Stefano io vorrei fare tale procedura sul mio imac intel core duo duo del 2007 ( imac 7.1) solo che al momento risulta installato mountain lion 10.8,windows 7 su partizione bootcamp e poi vi è la partizione di recovery 10.8,quindi anche se creo una partizione da utility e poi procedo manualmente l’installazione risulta possibile ? In sintesi avendo già mountain lion e windows 7 si può procedere ad installare ubuntu 12.04,grazie e ciao

    gennaro

    Thumb up 0 Thumb down 0

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per Mac!
quickapp_hover
Icon2.175x175-75
RecordMe
3
quickapp_hover
macicon120_451422073
GooMenu+
27
quickapp_hover
macicon120_419823161
AnyToDMG
quickapp_hover
macicon120_413756578
Mixxx
quickapp_hover
macicon120_402508085
Comic Life 2
quickapp_hover
macicon120_404243625
SketchBook Express

Le ultime Applicazioni aggiornate!

I Partner Esclusivi di iSpazio